17 aprile 2017

BlogTour | "L'alba della cacciatrice" di Aliénor J. O'Hara | Mitologia





Buongiorno lettori e buona pasquetta,
ieri è stata Pasqua e sono certa che vi sarete abbuffati sia di cibo che di cioccolato e oggi, probabilmente, come la sottoscritta, farete il secondo round. Oppure vi rilasserete. Dopotutto è una bella giornata!  
Oggi il blog ospita la terna tappa dedicata ad una romanzo self uscito da pochissimi giorni.  L'alba della cacciatrice di Aliénor J. O'Hara è il primo volume di una serie di libri di genere urban fantasy. Nell'appuntamento di oggi potrete leggere, direttamente dalle parole dell'autrice, la mitologia che ha utilizzato all'interno della sua opera e perché differisce dalle altre. Ma prima di tutto ciò, vi lascio qualche informazione sul romanzo in questione. 




L'alba della cacciatrice (A Shadows World Story, #1)

di Aliénor J. O'Hara
Self-publishing
€ 2,99 (ebook) € 13,90 (cartaceo)
Amazon 
Uscito il 15 aprile 2017
Una nuova guerra è scoppiata e sta cambiando molte cose. Charlie lo sa bene. La sua famiglia sta scappando dai bombardamenti da più di un anno e alla fine è persino costretta a lasciare il suo paese. Ciò che troverà nella sua nuova casa, però, non è esattamente ciò che si sarebbe aspettata. Una strana zia che non sapeva di avere e una realtà oscura persino peggiore della guerra che si è lasciata alle spalle. Una realtà che mai avrebbe osato immaginare e che le strapperà dalle mani tutto ciò che ha, che le costerà quasi tutto ciò che è. Una realtà che prende forma dai suoi sogni più oscuri. Cosa faresti tu se i tuoi peggiori incubi prendessero improvvisamente vita?
LA MITOLOGIA

Ho sempre subito fortemente il fascino della mitologia. E come poteva essere diversamente? Ho sempre avuto molta fantasia e amato le storie. I miti erano un altro modo per vivere la realtà oltre le strette regole che si trascina dietro. 
Negli ultimi anni si è vista una presenza sempre maggiore della mitologia classica o di quella antica nella produzione del Fantasy moderno, eppure molti miti sono mutati, fino anche a snaturarli, vampiri più teneri di un cucciolo di terrier, licantropi che si trasmettono una maledizione come fosse un raffreddore. Legittimo, in fondo è il naturale corso della mitologia, mutare col tempo, ma alcuni non erano davvero nel mio gusto. Per questa saga ho voluto quindi andare a riprendere quelle tradizioni più antiche e in molti casi dimenticati, un ritorno alla fonte, o il più vicino possibile, e ho scoperto che alcuni miti nascondo in sé stessi delle bellezze dimenticate e che alcuni erano molto più interessanti di quanto non siano ora. 
Ho potuto recuperare figure quasi del tutto inutilizzate nella produzione odierna, se non addirittura sconosciute. In questo primo volume, ad esempio, scopriamo il Meneur: una figura legata al Mannarismo molto interessante. 

Una voce la spaventò e scostò la mano, ritornando nella caverna.
- Una volta i Meneur erano molto potenti. – disse con voce leggera – Potevano controllare ogni forma animale, ogni essere umano mutato. Erano i protettori di tutto ciò che cambia e scorre, i servi dell’Ardente. -La bambina della radura era seduta su un masso, dall’altra parte del falò. Guardava la pittura rupestre con nostalgia e una tristezza così profonda che colse anche l’animo di Charlie, senza che sapesse darsene una ragione. - Ormai – continuò – sono padroni a mala pena di sé stessi. – e, quasi cogliendo un pensiero improvviso e sfuggente, aggiunse – Ma, forse, anche questo è un servizio al loro compito, dopotutto. Nessuno meglio di un servo dell’Ardente sa che tutto è parte di un ciclo. Ciò che sale, scende. Ciò che nutre, uccide. Ciò che vive, muore. -

Nel corso della saga ne incontreremo molti altri. Laddove invece la mitologia tradizionale non ha potuto colmare le lacune o le incongruenze, è intervenuta la mia fantasia. In fondo, sono pur sempre una scrittrice, la licenza poetica è un mio diritto, giusto?

Sentiva il suo corpo espandersi fino a circondare ogni cosa, sentiva la sua mente ricucirsi e disfarsi della paura. Sentiva il suo essere rafforzarsi e diventare più forte di quanto avrebbe mai creduto possibile. Si sentiva invincibile e le sembrava di poter essere contemporaneamente in ogni tempo e in ogni spazio. […] In una frazione di secondo, vide tutto ciò che era, che era stato e che sarebbe potuto essere. Si dimenticò di dove si trovasse, di chi fosse, di cosa fosse accaduto. Per quel solo secondo era parte del tutto in ogni tempo. 

GIVEAWAY

Avete la possibilità di vincere due copie cartacee del romanzo! Come? Seguendo queste semplicissime regole e compilando il form sottostante. 

Regole obbligatorie
1. Mettere MI PIACE alla pagina Facebook dell'autrice
2. Unirsi ai lettori fissi dei blog che ospitano il tour
3. Condividere la prima tappa sul social che preferite
4. Commentare tutte le tappe

Regole facoltative
Condividere almeno una delle tappe taggando due amici
(si può fare ogni giorno, questo vi permetterà di condividere più tappe e guadagnare più punti)


CALENDARIO




1° tappa: Presentazione + incipit - Il cibo della mente
2° tappa: Ambientazione - La tana di una booklover
3° tappa: Mitologia - Il tempo dei libri
4° tappa: Playlist - Bookspedia
5° tappa: Incubi e sogni - Il salotto del Gatto Librario
6° tappa: Dreamcast - My pages à la page







........................................................

Cosa ne pensate del romanzo? Questa tappa sulla mitologia presente nella storia vi ha incuriosito abbastanza?
Il blogtour continua domani con le canzoni che hanno ispirato la stesura del romanzo! 
Fatemi sapere, 
Leen

18 commenti:

  1. "...vampiri più teneri di un cucciolo di terrier, licantropi che si trasmettono una maledizione come fosse un raffreddore."
    Citando un tormentone: "True Story" xD
    Ci sta cambiare la mitologia usando la fantasia, eppure a volte si "esagera" portando quella figura e trasformandola in tutt'altro; facendole perdere quello che la rendeva tale.
    Ma va beh....ognuno ha i suoi gusti e la sua vena di "scrittore/ice" (tra parentesi perché alcuni non sono "degni" di quel titolo)

    Sono curiosa di scoprire di più riguardo i Meneur, cosa hai preso dalla mitologia e cosa hai aggiunto per renderlo originale, più tuo.
    Bella tappa ^.^
    Fate davvero incuriosire i potenziali lettori ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono completamente concorde con te. Va bene che i miti cambino ma ultimamente trovo che alcune figure si siano del tutto snaturate al solo fine di vendere meglio una storia e poi di conformarsi alla moda. Personalmente ho sempre amato la mitologia perché dietro la fantasia vi era sempre uno scopo e un messaggio e volevo che quella che inserivo nel mio libro tornasse esattamente su questa strada.

      Elimina
  2. Mi piacciono molto le storie dove c'è un elemento mitologico, meglio ancora se questo elemento mi è sconosciuto! Sono molto curiosa riguardo i Meneur... e sapere che queste figure provengono da tradizioni antiche mi da un pochino i brividi!!!
    Partecipo al blogtour!
    Lettore fisso Nicoletta Marasca
    nicolettamarasca88@gmail.com
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo scopo di molte leggende infondo è esattamente questo: mettere in guardia da ciò che non si comprende fino in fondo e "trattare con cura". Purtroppo ormai siamo abituati che tutto ciò che ci minaccia o che non comprendiamo è più sicuro eliminarlo e basta. Questo sarà proprio uno dei punti cardine della saga: cosa faremo, però, quando incontreremo qualcosa che non siamo in grado di eliminare?

      Elimina
  3. Io amo alla follia i Fantasy e tutti i suoi sotto generi. E amo i vampiri, così come i licantropi, streghe e altre creature della notte. A me piace molto invece come sono stati mutati, vedere la fantasia di tantissime scrittrici e scrittori. Ma ovviamente ognuno ha i suoi gusti. Adesso sono curiosa allora di leggere cosa lei ha scritto, visto che dice che lei ha preferito scrivere la mitologia com'è "nell'originale". E vedere com'è il risultato finale. :)

    Email: alessandranekkina93@gmail.com

    Fb: https://www.facebook.com/alessandra.nek.negri/posts/1594322930608668

    Twitter: https://twitter.com/AleNekPattzStew/status/854024494314381316

    Google+: https://plus.google.com/u/0/103694204427832904610/posts/Z79pNPeHuNk

    Tumblr: http://alenekpattzstew.tumblr.com/post/159683658642/blogtour-lalba-della-cacciatrice-di-ali%C3%A9nor

    Instagram: https://www.instagram.com/p/BS_rXttA3kk/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I gusti sono qualcosa che nessun artista o persona può prescindere. Come l'autore ha il proprio così lo hanno i lettori. Spero che la mia proposta le piacerà. Ho cercato di attenermi all'origine, sì, ma certo anch'io ho dovuto agire "di fantasia" a un certo punto, per poter colmare le lacune, o rendere le leggende più verosimili e adattabili ai principi del romanzo.

      Elimina
  4. Sono curiosissima di sapere di più su questi Meneur, perché mi sembra un elemento molto originale e in generale adoro da morire la mitologia quindi voglio proprio saperne di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che apprezzerai queste figure quanto me! Quando le ho scoperte nelle mie ricerche non ho resistito e ho dovuto inserirle nella storia!

      Elimina
  5. Non sono molto ferrata sull'argomento..originale questo accostamento..almeno per me :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Isabella!
      Spero davvero che quando leggerai il romanzo continui a piacerti e ad interessarti!

      Elimina
  6. Mi piace quando gli autori fanno delle ricerche... anche io ero molto interessata di mitologia, anche se mi limitavo a quella religiosa/classica (greci romani e co su cui Rick Riordan ha costruito la sua fortuna). L'elemento Meneur mi pare un buon modo per rendere originale un tema su cui ho letto di rutro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Silvia.
      Io per prima, da accanita lettrice fantasy, volevo scrivere qualcosa di "diverso" perché, ultimamente quando leggevo un romanzo mi sembrava di trovarmi sempre nelle stesse storie, negli stessi schemi e, per quanto mi fossero piaciuti, a un certo punto volevo qualcosa di "diverso" che mi sorprendesse e mi lasciasse stupita e così ho tentato di dar voce a qualcosa di nuovo. Spero che anche voi lettori lo apprezzerete.

      Elimina
  7. belli gli estratti, sto seguendo il tour con attenzione perchè ci sono tanti aspetti che mi interessano! ;)
    Luigi Dinardo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Luigi!
      Spero che il romanzo esaudirà le aspettative e che ti piacerà!

      Elimina
  8. Anche io amo la mitologia e la figura del Meneur mi affascina particolarmente...curiosa di saperne di più e leggere questo bel romanzo!
    e-mail: pleadi@inwind.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero davvero che lo leggerai e che lo amerai quanto me!

      Elimina
  9. Io adoro la mitologia ma anche tutti i fantasy...sono affascinata da vampiri, licantropi, streghe ecc! Intrigante anche la figura del Meneur! Spero di poterne leggere di più! :)
    venera.lowe@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora qui troverai pane per i tuoi denti, cara Venera.
      Nel futuro della saga posso anticiparti che ci saranno non solo maghi, streghe o licantropi ma anche sirene, demoni, gorgoni e chi più ne ha più ne metta.
      Via libera alla fantasia!

      Elimina